Welcome

Specifiche dei giradischi per vinili

Ad un esame casuale, la maggior parte dei giradischi sono abbastanza simili. Diamo “una sbirciatina sotto il cofano” per scegliere alcune caratteristiche chiave che potreste voler cercare.

Specifiche dei giradischi per vinili.

Trasmissione a cinghia contro trasmissione diretta: questo vi dice come il motore è collegato al piatto e perché questo è importante. I DJ professionisti amano i giradischi a presa diretta perché si mettono in moto quasi istantaneamente quando il motore è acceso, e il piatto gira senza resistenza quando il motore è spento. Se non sei un DJ, vorrai un “tavolo” a cinghia. Una banda elastica collegata al motore fa girare il piatto, eliminando il rumore del motore, e aiuta a far emergere più sfumature da una registrazione.

Cartuccia: La maggior parte dei giradischi viene fornita con una testina premontata sul braccio. La testina contiene lo stilo – che la maggior parte di noi chiama casualmente “puntina” o “pickup” – che legge i solchi del disco e produce il suono. La testina fornita in dotazione è di solito una buona scelta di base, ma molti amanti della musica preferiscono l’upgrade per ottenere prestazioni ancora più forti.

Preamplificatore: Il segnale iniziale prodotto dalla cartuccia è molto preciso, ma anche molto debole. Ecco perché il vostro giradischi ha bisogno di alimentare un preamplificatore phono per arrivare ad un livello che possa far uscire la musica dai vostri diffusori. Il pre phono può essere incorporato nel “tavolo”, incorporato in un ricevitore, incorporato in un diffusore alimentato, oppure alloggiato in un componente separato. Un preamplificatore esterno aggiunge un pezzo di equipaggiamento al vostro cabinet, ma se state usando una testina di prima qualità, questo livello di controllo dettagliato vi aiuta ad ottenere il massimo dal vostro investimento. Spesso vi darà la possibilità di scegliere se volete usare una testina a magnete mobile o a bobina mobile.

Infine, c’è la differenza tra manuale e automatico. Questa funzione vi permette di sapere quanto dovrete interagire con il vostro giradischi all’inizio e alla fine della riproduzione di un disco.

Con l’aiuto di una leva manuale, si solleva fisicamente il braccio e si posiziona la puntina nella scanalatura di piombo del disco e la si solleva alla fine di un lato. Un meccanismo automatico può introdurre rumore, quindi il funzionamento manuale è standard per chi ha più a cuore la qualità del suono che la convenienza. Invece, con un giradischi completamente automatico, si preme un pulsante e ci si allontana. Il braccio si sposta in posizione e fa cadere delicatamente l’ago sul bordo d’attacco del disco.

Quando l’ultimo brano è finito, il braccio si solleva, ritorna in posizione di riposo e spegne il motore. Scegliete secondo le vostre esigenze!

Leggi anche: Come scegliere il migliore tagliacapelli?