Welcome

Quali sono le modalità di pulizia di un idropulsore dentale?

Se stai pensando di acquistare un idropulsore dentale, è perché vuoi dedicare una pulizia più accurata e approfondita ai tuoi denti. Ecco per quale motivo è fondamentale valutare anche le modalità di pulizia che il tuo nuovo idropulsore dentale è pronto ad offrirti.

Pulizia accurata

Un idropulsore procede alla pulizia dei tuoi denti attraverso l’erogazione d’acqua o, in caso, di collutorio. Questa tipologia di igiene orale aiuta a rimuovere batteri e residui, e soprattutto a mantenere puliti gli spazi più angusti fra i denti. Essi sarebbero infatti irraggiungibili da un normale spazzolino.

Inoltre, molti modelli di idropulsore dentale incorporano un getto più delicato, che oltre a pulire le gengive le massaggi e ne riattiva la circolazione. È quindi consigliato dai dentisti a chiunque soffra di gengive spesso irritate o infiammate.

Per quanto riguarda le modalità di pulizia di un idropulsore dentale, la più comune è sicuramente quella del getto d’acqua pressurizzata. Essa rimuove in modo eccellente residui di cibo intrappolati tra ogni dente, oltre che placca e batteri che si annidano nel solco gengivale.

Eventualmente puoi passare ad uno step successivo, dettato dal getto d’acqua e aria. Quest’ultima viene purificata attraverso un apposito filtro, ed è molto indicata per rimuovere i batteri che si accumulano sotto e sopra il bordo gengivale.

I modelli di idropulsore dentale più sofisticati offrono poi modalità aggiuntive, come ad esempio programmi di pulizia particolari e mirati ad esigenze più specifiche. In alcuni casi, ad esempio, è presente un getto aggiuntivo di collutorio o altre funzioni per la pulizia interdentale.

 

Una buona pulizia dei denti, effettuata con un ottimo idropulsore dentale, è fondamentale per rimuovere batteri e residui, soprattutto dagli spazi più angusti. Non dimenticare quindi di valutare bene quali sono le modalità di pulizia che ogni idropulsore dentale presente in commercio può offrire!